fbpx
Approvata la Normativa Europa sul Copyright

Approvata la Normativa Europa sul Copyright

 

Il consiglio europeo ha approvato il 15 aprile la Direttiva sul copyright un testo frutto di più di tre anni di contrattazione e numerose modifiche che è stato approvato dal Parlamento europeo il 26 marzo scorso.

L’Italia ha votato contro così come Svezia, Finlandia, Polonia, Olanda e Lussemburgo.
Con questa Direttiva, l’Unione Europea continua il lavoro di adeguamento delle norme alle sfide poste dal digitale per poter parlare di un mercato unico digitale.

Tra i vari ministri che hanno partecipato al Consiglio c’è chi ha definito questa riforma “una pietra miliare per lo sviluppo di un mercato unico digitale”.
Dalla data della sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea, l’Italia e gli altri Stati membri avranno 24 mesi per recepire le nuove norme.

 

SCARICA LA GUIDA

Scopri con la mia guida come realizzare un concorso vincente senza rischiare multe fino a 500.000 euro.

Cosa dice la Direttiva?

La direttiva riguarda varie questioni che possiamo preliminarmente indicare:

  • adeguamento delle eccezioni/limitazioni al diritto d’autore all’ambiente digitale e all’ambiente transfrontaliero;
  • il miglioramento delle procedure di concessione delle licenze per garantire un più ampio accesso ai contenuti. Particolare attenzione è stata posta allo sfruttamento delle opere “fuori commercio” e il rilascio di licenze collettive;
  • l’introduzione di un nuovo diritto per gli editori di giornali per l’utilizzo digitale delle loro pubblicazioni;

La questione più interessante e che ha ricevuto le critiche maggiori riguarda le piattaforme di condivisione di contenuti online.

Queste piattaforme si basano sul modello dei “contenuti caricati dagli utenti”.
La direttiva stabilisce che tali piattaforme dovranno ottenere una licenza per le opere protette dal diritto d’autore caricate dagli utenti.

I titolari dei diritti saranno pertanto in grado di negoziare meglio le condizioni di sfruttamento delle loro opere online e saranno remunerati per l’utilizzo online del loro contenuto da parte di tali piattaforme.
La direttiva consente agli utenti di generare e caricare liberamente contenuti per finalità di:

  • citazione, critica, rassegna
  • utilizzi a scopo di caricatura, parodia e pastiche.

I principi introdotti dalla direttiva

La Direttiva prevede i seguenti Principi:

  • Principio di remunerazione adeguata e proporzionata in favore degli autori e degli artisti (interpreti o esecutori);
  • Obbligo di trasparenza in favore degli autori in merito allo sfruttamento delle loro opere quando le abbiano concesse in licenze o abbiano trasferito i relativi diritti;
  • Una procedura alternativa su base volontaria di risoluzione delle controversie relative all’obbligo di trasparenza e al meccanismo di adeguamento contrattuale;

Adesso non rimane altro che studiare bene la direttiva e seguire con attenzione e da vicino la fase di recepimento della stessa da parte del nostro Paese. .

Quindi occhio a rimanere sempre aggiornato!
Se ti è piaciuto questo articolo continua a seguirmi su questo sito!

SCARICA LA GUIDA

Scopri con la mia guida come realizzare un concorso vincente senza rischiare multe fino a 500.000 euro.

Il sito non utilizza cookie profilanti ma consente l'installazione di cookie di terze parti anche profilanti. Cliccando su Accetto, l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni, anche in ordine alla disattivazione, puoi consultare la COOKIE POLICY

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi